Privacy Policy Cookies Policy
Tenuta Migliavacca | Déjà vu

Fotografie dalla terra //

Tenuta Migliavacca | Déjà vu

Scritto da

Ricordi a scatti di una giornata a Tenuta Migliavacca in compagnia di Francesco Brezza e la sua famiglia.

Identità agricola e memoria storica

La storia di Tenuta Migliavacca è una storia familiare che parte nel 1921, i protagonisti sono la residenza estiva di un ufficiale, duecentotredici cambiali da mille lire e il bisnonno di Francesco Brezza. Da allora la famiglia di Francesco abita e si prende cura di questo luogo: con suo nonno la proprietà è arrivata a quattordici ettari, con suo padre a trentacinque e con Francesco cinquantacinque ettari suddivisi tra il vigneto e i campi di erba medica e grano.

Ascolta la nostra chiacchierata con Francesco Brezza!

Agricoltori prima che vignaioli: un organismo a ciclo chiuso

Francesco spesso ribadisce di essere agricoltore prima che vignaiolo e quindi non stupisce che soltanto dieci ettari dell’azienda siano dedicati ai vigneti. La vigna non è la coltura principale, ma anzi, ingranaggio di un sistema più complesso. Al vino si affianca infatti l’allevamento di una trentina di bovini, che vengono nutriti dalle produzioni aziendali, e grazie alla sostanza organica che producono mantengono vivo e vitale il suolo.

Leggi la storia di Francesco Brezza!

La prima azienda biodinamica in Italia

La biodinamica è parte fondamentale dell’identità dell’azienda a partire dal 1964, Tenuta Migliavacca è stata infatti la prima azienda agricola a ottenere la certificazione Demeter. Tutto nasce dal buonsenso agricolo del padre di Francesco, Luigi, che si rende conto degli effetti dei trattamenti in vigna sulla sua salute che lo spingono verso un nuovo approccio. Così l’azienda, un tempo focalizzata quasi totalmente sul vigneto, si trasforma ed evolve nella sua dimensione odierna.

Leggi il nostro reportage di una giornata da Tenuta Migliavacca!

I vini di Francesco

Le colline del casalese, tra marne affiorate e argilla friabile, offrono dimora ai vigneti di Francesco. Tra i filari sono coltivate le classiche varietà locali: il grignolino, la freisa e la barbera. I vini che ne derivano sono rustici e senza fronzoli ma non per questo semplici. La Barbera del Monferrato Superiore è prova dell’eleganza senza sofismi dei vini di Francesco, sempre capaci di raccontare il loro luogo di origine.

Scopri i vini di Francesco!

Una perla rara: la brezzolina

Nonostante sia terra di rossi, Francesco conserva un segreto il cui nome è Brezzolina. Un bianco da uve vermentino che produce in pochissime bottiglie. Ma non provate a cercarlo, né sul nostro catalogo né altrove, come le cose più belle non è in vendita: Francesco lo produce per la sua famiglia e da regalare agli amici.

Scopri di quando Federico Francesco Ferrero ha scoperto per la prima volta la Brezzolina!

Scopri i produttori Triple “A”

Scopri i Vini Triple “A”

Spedizione gratuita a partire da 39€