Privacy Policy Cookies Policy

QUANDO IL MALTO INCONTRA IL VINO

Info

Ieri sera, presso la Vegia Òstàja Da-O Pöulo di Genova Sestri Ponente, entrata di recente nella Guida Osterie d’Italia di Slow Food, si è svolta una degustazione all’insegna dell’originalità...

0,00 €

iva inclusa
Temporaneamente esaurito

Ieri sera, presso la Vegia Òstàja Da-O Pöulo di Genova Sestri Ponente, entrata di recente nella Guida Osterie d’Italia di Slow Food, si è svolta una degustazione all’insegna dell’originalità.

Protagonisti della serata, due vini e tre birre di due eccellenze liguri, il Birrificio Maltus Faber di Genova e l’Azienda Agricola Possa di Riomaggiore. 
Sapientemente abbinati ai piatti della tradizione genovese dall’amico Maurizio Stagnitto, birra e vino si sono alternati in un susseguirsi di sensazioni ed emozioni nuove e mai banali.

Il clou della serata è stato senz’altro Sciacche Triple, una birra bionda di stile belga, presentata in anteprima, che è stata maturata per 8 mesi in un caratello di una capacità di 100 litri di Sciacchetrà dell’Azienda Possa.

La lunga sosta nel caratello di legno gelso, che ha ospitato ben 6 diverse annate di Sciacchetrà, ha conferito a questo gioiello una voluttuosità e complessità senza pari.

Questa prima edizione limitata è stata prodotta in solo 260 bottiglie da 33cl numerate, e non verrà messa in commercio. 
Però non disperate. Entusiasta dell’esito di questa splendida collaborazione, il ns Heydi Bonanini dell’Azienda Possa ha già fatto dono a Massimo Versaci e Fausto Marenco di altri caratelli…

Menu della serata

ANTIPASTI: 
- Farinata 
- Cuculli 
- Panissa 
- Pizza 
Abbinamento: "Decennale" di Maltus Faber

PRIMO: 
- Ravioli Al Tocco 
Abbinamento: "SciaccheTriple" di Maltus Faber

SECONDO: 
-Stoccafisso Accomodato 
Abbinamento: "5Terre Bianco" dell'Az. Agricola Possa

DOLCE: 
- Sacher Au Cugià 
Abbinamento: "Extra Brune Barricata" di Maltus Faber 
- Canestrelli 
Abbinamento: "Sciacchetrà" dell'Az. Agricola Possa

Perché scegliere Triple "A"

Soltanto chi coltiva direttamente il vigneto può instaurare un rapporto corretto tra uomo e vite, ed ottenere un’uva sana e matura, esclusivamente con interventi agronomici naturali.