Triple A

Triple A

Triple A

Seguici su:
Facebook YouTube Contatti

Medium
23 October

Direttamente dal Cile è arrivato il Pisador!

Siamo orgogliosi di raccontarvi la storia dell’ultimissima novità entrata nella famiglia Triple “A”: Il Pisador dell'Azienda Agricola La Mision!

Elena Pantaleoni, proprietaria della cantina La Stoppa, è fortemente legata al Cile in quanto sua madre vive lì da oltre vent'anni.

La madre di Elena nel 1999 acquista una bella proprietà chiamata Fundo Tomenelo nel sud della regione della Valle del Maule, vicino alla cittadina di Cauquenes, a circa 400 km a sud di Santiago.

All’interno del fondo di circa 200 ettari esiste un’antica cantina tradizionale del Maule, con le mura in adobe (fango e paglia) e tetto in legno locale.
A gennaio 2015 Elena ha avuto la possibilità di visitare con attenzione alcuni dei territori e dei vigneti centenari circostanti e non troppo distanti dalla proprietà e ne è rimasta ancora una volta affascinata.
Di fatti, tra le regioni del Maule e del Bio Bio, esistono migliaia di ettari di piante molto vecchie (100-300 anni) a piede franco che rappresentano sicuramente una straordinaria e unica eredità nel mondo a livello vitivinicolo.

Le varietà piantate più comuni sono il país, carignan e cinsault per i rossi; moscatel de Alexandria e semillon per i bianchi.

Poco dopo il suo viaggio, Elena decide che potrebbe essere la volta buona per iniziare a fare vino in Cile e contatta Nicola Massa, un caro amico che lavora nel settore vinicolo da molti anni, con l'idea appunto di proporgli di fare un vino con queste vecchie vigne, in particolare con la varietà país.
País è la varietà più antica importata in Cile nella metà del 1500 dai missionari spagnoli.

A Nicola piace ed è molto interessato alla proposta e poco dopo parte per il Cile per trascorrere buona parte della vendemmia 2015 nel Maule andando in giro a visitare piccoli produttori tradizionali per capire meglio il loro modo di lavorare.
Nel 2016, insieme a Elena e a Giulio Armani, selezionano un vigneto molto interessante e rappresentativo della zona con suolo granitico e incredibili piante centenarie ad alberello, a piede franco e senza irrigazione vicino alla proprietà della mamma di Elena, comprano un antico "lagar" (tino di legno locale chiamato raulì) per le fermentazioni e lo rinnovano, delle botti da 300 lt usate per l’affinamento e costruiscono una zaranda (la tipica struttura in canne di colihue dove pigiare e diraspare l’uva a mano).
Tutto molto semplice e nel rispetto della tradizione locale.

L'idea di Elena e Nicola è quella di provare ad ottenere un vino importante e strutturato con questa varietà país che in genere viene utilizzata per vini piu freschi e da bere subito. Naturalmente la fermentazione è spontanea con una macerazione di 23 giorni. Il vino trascorre poi un anno in botti usate e un anno in più in bottiglia.
Nessuna filtrazione, nessun solfito aggiunto, solo frutto!
3300 bottiglie prodotte per la prima annata, 2016.

Elena e Nicola, contenti del risultato ottenuto pianificano un progetto a lungo termine, hanno già imbottigliato la 2017 aumentando un po' la produzione a 5500 bottiglie hanno comprato un secondo lagar e fatto alcuni lavori in cantina) e la 2018 è ora in botte.

L'idea di produrre Pisador nasce per creare un legame con gli agricoltori locali e per far conoscere questo Cile sconosciuto al di fuori dei confini nazionali.
Renderli consapevoli che quello che possiedono ha un grande valore, unico al mondo, che nonostante l’industria cilena del vino cerchi di mantenere i prezzi delle loro uve molto bassi, al limite della soppravivenza, in realtà esiste un mercato attento a un vero prodotto artigianale, fatto di sapienza antica, uve sane da piante ultracentenarie e una vinificazione da secoli immutata, oggi chiamata naturale.

Elena e Nicola pagano le uve circa quattro volte il prezzo di mercato condividendo con gli agricoltori semplici e migliori protocolli di coltivazione, rendendoli partecipi dei risultati, caldeggiando tutti ad andare in Cile ad incontrarli nelle loro vigne così speciali.

Commenti

Al momento non ci sono commenti.

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori